AA_P3M0294.jpg
 

Manifesto dell'Universalismo / Universalism Manifesto

 

Nato per iniziativa di Rodolfo Viola, Giuseppe Marotta, Peter Maag, Carlo Mauri e Franco Zeffirelli, "vuole che si attui un positivo ritorno alla comprensibilità delle espressioni creative, per estrarre l'uomo dalle caste derivanti da un mondo tecnicizzato".

Born on the initiative of Rodolfo Viola, Giuseppe Marotta, Peter Maag, Carlo Mauri and Franco Zeffirelli, "wants a positive return to comprehensibility of creative expression in order to save man from those castes which are caused by a technicalized world".

Tutti partecipiamo alla creazione; siamo tutti Re, Poeti, Musicisti; non c’è che da aprirsi come fiori di loto per scoprire tutto ciò che era in noi.
— Henry Miller

MANIFESTO DELL'UNIVERSALISMO

 

Manifesto di conoscenza per un'umanità più vicina al linguaggio delle arti

L’UNIVERSALISMO VUOLE

Che ciascuno ricerchi i valori dell’essere attraverso il contenuto di ogni forma artistica, sorgivamente e lontano da ogni critica inquinante:

Che si attui un positivo ritorno alla comprensibilità delle espressioni creative per estrarre l’uomo dalle caste derivanti da un mondo tecnicizzato, “morti vivi” cui, giorno per giorno, viene minimizzata la coscienza;

Che pittura, scultura, letteratura, musica ed ogni altra espressione artistica, siano, con le premesse qualitative succitate, presenti sempre per conferire all’uomo l’Io equilibrato che gli spetta per ragione superiore;

UNIVERSALISTI: per un governo del bello, ispiratori di conoscenze e di fratellanza attraverso le sensazioni delle proprie opere.

 

L’UNIVERSALISMO INVITA

Alla collaborazione di tutti i maestri d’arte e di natura per un messaggio quanto più vicino al vedere e sentire universale oltre ogni disputa filosofica;

Alla fusione di intenti e di opere in un ben accetto risultato collettivo: le arti si chiedono con voce millenaria e i mezzi di espressione ne ostacolano una perfetta simbiosi e dunque si ricerchi un frutto della creatività che non sia più al singolare, per una forza totale vittoriosa;

Alla sottoscrizione del manifesto di conoscenza da parte di tutte le menti amiche del concetto Universalista;

Ad ogni proposta atta a migliorare gli impegni Umanitari evidenziati.

UNIVERSALISTI: per un’idea di unione interiore, perché il mondo somigli all’essenza più pura dell’uomo.

UNIVERSALISM MANIFESTO

 

A Manifesto of knowledge to bring Mankind closer to the language of the Arts

UNIVERSALISM WANTS

Everyone to seek for the values of being through the content of all art forms, spontaneously and far from all corrupting criticism.

It wants a positive return to comprehensibility of creative expression in order to save man from those castes which are caused by a technicalized world; the "living dead" whose consciousness is being gradually weakened day after day.

It wants painting, sculpture, literature, music and all other artistic expression to be always present, with the above mentioned qualitative premises, in order to bestow upon man that balanced ego which is his right by virtue of his superior intellect.

UNIVERSALIST: for the conservation of beauty, inspirers of knowledge and brotherhood, through the sensation of their works.

 

UNIVERSALISM INVITES

The collaboration of all the masters of art and nature to produce a message which is as near as possible to a universal outlook that goes beyond philosophical differences;

the fusion of purposes and works into an acceptable collective result: the arts have wished to communicate for thousands of years and the vehicles of expression have made the achievement of perfect simbiosis difficult. Let us no longer seek therefore the fruit of creativity in the singular, in order to constitute a complete and victorious force;

it invites all those who agree with the Universalistic concept to sign the Manifesto

it invites any proposal which might improve the Humanitarian undertakings carried out.

UNIVERSALIST: towards an idea of interior union, so that the world may resemble man's purest essence..

 

 

Rodolfo Viola - Giuseppe Marotta - Peter Maag - Carlo Mauri - Franco Zeffirelli

We are all part of creation, all kings, all poets, all musicians; we must only open up to discover what is already there.
— Henry Miller